La perdita dei capelli è un problema comune a molte persone. Sebbene determinata da fattori genetici, ormonali o ambientali, la perdita dei capelli può iniziare in giovane età tra i 20 e i 25 anni e continuare per tutta la vita. Naturalmente, questo porta ad un ampio raggio di persone in cerca di cure. Dato che riguarda le persone di quasi tutte le età, è importante sapere quando iniziare il trattamento, che in questo caso si tratta spesso di un trapianto di capelli.

Tecnicamente, chiunque a qualsiasi età può candidarsi ad un intervento di trapianto di capelli. Gli esperti, tuttavia, raccomandano di avere almeno 21 anni affinché l’operazione riesca, ma ciò non significa necessariamente che l’età dei 21 anni sia l’ideale per tutti. Può variare da persona a persona.

Il successo della chirurgia del trapianto di capelli

La programmazione è essenziale per il successo dell’intervento. È generalmente difficile determinare quali zone continueranno ad assottigliarsi durante le prime fasi. Pertanto, se non programmato nel modo giusto, si potrebbe incorrere in alcuni problemi quando ci si sottopone ad un trapianto di capelli, se si è nelle prime fasi di questa condizione. All’inizio si potrebbe essere soddisfatti, ma è probabile che la perdita di capelli continui fino ai 28 anni di età e che si perdano i capelli su altre zone della testa, il che comporta un aspetto indesiderato e in un certo senso anche buffo. Pertanto, è probabile che si facciano una o due sessioni in più per compensare questo. D’altra parte, una cattiva programmazione può anche condizionare i candidati che si trovano nelle ultime fasi della caduta dei capelli. Le radici fornite dall’area donatrice, che è spesso la parte posteriore e i lati del cuoio capelluto, devono essere sufficienti anche in numero e in buona salute.

Rilevazione dell cause della perdita di capelli

Prima di considerare un intervento, bisognerebbe esser certi che la causa della perdita di capelli non è dovuta a fattori ormonali o ambientali. Esistono altri modi per rimediare in questi casi, per cui non sempre è necessario l’intervento.

Fondamentalmente, si può fare un trapianto di capelli anche a 18 anni di età, poiché l’età non è l’unico fattore per il candidato giusto. Sono altrettanto importanti, se non di più, la percentuale e lo stato della caduta dei capelli. Programmare e prevedere le zone a rischio di calvizie è essenziale per i migliori risultati. Consultare un dermatologo se si perdono i capelli in pochissimo tempo. Il medico stabilirà se è il caso di sottoporsi ad un intervento e suggerirà quali misure adottare per evitare la calvizie.